Sessione Newborn: come prepararsi a viverla sereni

17 Giugno 2019
by
in Articoli
Nessun commento
Sessione Newborn: come prepararsi a viverla sereni

La sessione NewBorn è il regalo più bello che tu possa fare a te stessa, al tuo compagno e soprattutto al tuo nuovo bimbo. Le fotografie scattate in questa occasione diventeranno un ricordo indelebile e potranno essere guardate e riguardate a distanza di anni una volta che il neonato sarà cresciuto. Questo investimento diventerà sempre più prezioso, confermandosi nel tempo come qualcosa di valore inestimabile sia per voi, sia per il vostro bambino. È necessario tuttavia tenere conto di alcuni aspetti importanti, osservando i quali sarà possibile vivere la sessione Newborn con serenità e senza stress.

La seduta fotografica deve rimanere infatti un momento piacevole per i genitori e per il neonato, anche se il nascituro è appena venuto al mondo. Uno degli accorgimenti che prendo a questo proposito durante il mio lavoro è quello di riscaldare lo studio fino alla temperatura di 28 gradi. I genitori potranno vestirsi a strati per essere comodi a seconda delle preferenze individuali di ciascuno. Il calore favorisce ovviamente il sonno del neonato: per consentire un riposo ottimale consiglio di stimolare il piccolo nell’ora che precede la seduta, ad esempio tenendolo in braccio e parlandogli senza però cullarlo. È importante tenerlo sveglio e allattare non prima delle due ore precedenti alla sessione. In questo modo il bimbo, una volta entrato in studio potrà mangiare con calma e tenderà a rilassarsi fino ad addormentarsi più facilmente.

A titolo precauzionale suggerisco inoltre di portare con sé il ciuccio: anche se non sarà vostra intenzione utilizzarlo, potrebbe tornare molto utile per rilassare il neonato senza rischiare di abituarlo alla differente suzione in così poche ore. Oltre ai pannolini, ricordatevi poi una o due copertine e un cambio completo. Per quanto riguarda l’abbigliamento, il mio servizio NewBorn include una serie di vestitini artigianali a disposizione del neonato. Le mamme e i papà potranno vestirsi invece con una maglietta di colore neutro, oppure bianca o nera, meglio se in tinta unita per un facile abbinamento (da non dimenticare il cambio anche per i genitori).

PICCOLI DETTAGLI CHE POSSONO FARE LA DIFFERENZA

Altri dettagli per aiutarvi a vivere il servizio Newborn con la massima soddisfazione includono variabili secondarie come la durata, la presenza di fratellini o sorelline e da ultimo l’utilizzo di un vostro telefonino. Sulla durata la sessione richiede di solito dalle 3 alle 4 ore. A volte ci potrebbe volere meno tempo, ma tutto dipende dalla collaborazione del neonato. È sempre opportuno rispettare le sue priorità e non avere fretta, né fissare altri appuntamenti a ridosso della sessione Newborn. Sulla presenza di fratellini e sorelline non sono affatto contraria, anzi: si tratta di un momento di condivisione  fondamentale anche per i primogeniti, che rimanendo a casa si sentirebbero esclusi. La soluzione?

Portateli con voi avendo l’accortezza di farli arrivare dopo un paio d’ore, magari in compagnia della nonna o del papà. In questo modo eviterete di costringerli a lunghe attese prima che le foto siano state scattate. Se poi vi va di scattare qualche foto con il vostro telefonino niente paura: chiedo solo, in caso di pubblicazione sui vostri profili social, di aggiungere l’hashtag #backstageyuliaphotography. Sul timing ideale suggerisco di prenotare il servizio newborn uno o due mesi prima della data di nascita presunta, e di chiamarmi entro 48 ore dalla nascita per fissare l’appuntamento in studio. Ne sono convinta: sarà un’esperienza indimenticabile che conserverete nel vostro cuore anche quando i bimbi saranno cresciuti! Contattami senza impegno per maggiori dettagli!

Condividi!

Ti potrebbero interessare anche

Nessun commento on This Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

About Me
Ciao, sono Yulia
Da tanti anni la fotografia è la passione che mi accompagna nella vita. Fotografare per me non è soltanto un lavoro, ma è molto di più. La fotografia mi rende davvero felice.
Archivio